Le leggende - Jerà Resort & Residence - Vulcano Isole Eolie

Vai ai contenuti

Menu principale:

Vulcano

Sono tante le leggende su Vulcano e Vulcanello.

Hefesto, un gigante possente, era molto geloso della moglie, la sfavillante Venere. Per lenire i suoi tormenti, si era fatto tessere una rete d’oro finissima, quasi invisibile, che aveva appeso nella sommità del talamo. Con il movimento sussultorio, la rete cadde sul letto e ingabbiò i due amanti, Venere e Marte, dio della guerra. Hefesto trascinò di fronte a Giove la rete con i due colpevoli, ignudi. Giove, contornato nell’Olimpo da tutti gli Dei accorsi, incuriositi, rise, spiegando, che ormai era successo e l’amore non era un crimine.

Eolo indicò agli umani la guisa di aver contatti con i defunti, esponendosi alla carezza del vento. Ancora ora, la mamma chiama i pargoli nell’ aia, perché il nonno li vuole accarezzare. Solo con la dolcezza di una brezza che ti sfiora il viso, si può conoscere, amare l’avo sconosciuto.

Gli Dei, alla morte immatura di un eroe o di un sapiente o scriba, trasformavano lo spirito in un animale, perché potesse fino all’età giusta, essere vicino alla sua famiglia e alle sue cose.
Si racconta, “che un pescatore cantava in mare accompagnato dalla chitarra. Un cagnoletto si buttò a mare e cominciò a ballare sulla barca. Di colpo si gettò in mare e scomparve. “Un bastimento andò a fondo. A un contadino, che andava a caricare il mosto con gli “schecchi”, comparvero sette persone, tra cui il capitano. Questi dissero “qua ci devi far dire sette messe e ci devi fare una chiesuola”(edicola votiva). Così fece il contadino, poi i sette tornarono “ ora siamo contenti in pace” e scomparvero.
Se di notte andrai a farti un bagno caldo nella pozza o nel mare prospiciente , vedrai i vapori bianchi, ballare, come fossero degli umani, e forse potrai incontrare un amore cessato o un caro estinto.

Queste isole erano utilizzate dai pirati per l’approdo e riparo. Sono nate numerose leggende sulla loro presenza che hanno fatto sognare sotto il cielo, sempre stellato, il ritrovamento di tesori nascosti. I medium hanno interpellato le anime presenti nelle isole, che hanno risposto, precisando l’impossibilità di trovare i tesori sepolti, perché i siti erano protetti da custodi fedelissimi.
Sono certamente i grandi massi di roccia vulcanica, che hanno coperto per sempre le speranze dei ricercatori con una quantità  incredibile e imponente di materiale franato.

 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu